Area Van Gogh

Brevi cenni biografici.
Vincent van Gogh 1853-1890.

Avvicinatosi al mondo dell’ arte a 16 anni lavorando presso un’ azienda di pittura, dopo diverse esperienze amorose negative, si dedicò a studi religiosi. Nel 1878 andò a lavorare presso un distretto minerario in Belgio dove rimase colpito dalle estreme condizioni di povertà delle famiglie di minatori. Qui dipinse opere famose quali  “I mangiatori di patate”.
Aiutato dal fratello Theo per le sue ricorrenti crisi economiche, nel 1886 andò a Parigi dove, dopo aver incontrato artisti impressionisti quali Pisarro, Degas, Gauguin, Seurat e Toulose-Lautrec, il suo stile artistico subì una profonda metamorfosi. Nel 1888 andò ad Arles dove dipinse più di 200 quadri in 15 mesi, ma i suoi problemi economici insieme alla depressione ed alle ricorrenti allucinazioni lo portarono a una crisi nervosa in cui si recise parte dell’ orecchio sinistro. Nel 1889 entrò spontaneamente in un istituto a St. Remy per curarsi e qui dipinse 150 opere tumultuose. Dopo essersi avvicinato al fratello a Auvers-sur-Oise dipinse strenuamente 70 quadri in 70 giorni ma quando la sua crisi nervosa divenne più acuta, il 29 luglio 1890 decise di porre fine ai sui giorni.    

Il ponte di Langlois 1994
Olio su tela 70×50
Da: Il ponte di Langlois ad Arles 1988 (Colonia Wallraf-Richartz-Museum)
Barche di pescatori 1997
Olio su tela 50×40
Da: Barche di pescatori sulla spiaggia di Saintes-Maries-de-la-Mer 1888 (Amsterdam , Rijksmuseum)
Quattro girasoli 1999
Olio su tela 70×40
Da: Quattro girasoli 1887 (Otterlo , Rijksmuseum Kroller-Muller)
Vaso con 12 girasoli 1999
Olio su tela 40×50
Da: Vaso con 12 girasoli 1888 (Monaco di Baviera, Neue Pinakothek)
Contadini in siesta 2004
Olio su tela 70×50
Da: Contadini in siesta 1890 (Parigi, Musée d’Orsay)  
Natura morta con girasoli 2019
Olio su tela 40×50
Da: Natura morta con girasoli 1889 (Amsterdam, Rijksmuseum)